Il padre di Scamacca a Trigoria
con una spranga

 

Un lunedì pomeriggio spaventoso a Trigoria, senza precedenti. Ieri il padre di Gianluca Scamacca, centravanti del Genoa, attualmente in prestito dal Sassuolo, con un lungo passato nelle giovanili del club giallorosso, si è introdotto nel centro sportivo della Associazione Sportiva Roma armato di spranga.

L’uomo, inizialmente non identificato, ha iniziato a minacciare i presenti, spaventando anche alcuni ragazzi delle giovanili che stavano passando in quel momento davanti all’ingresso del centro sportivo.

Gli addetti ai lavori inizialmente si sono rifugiati, poi hanno cercato di tranquillizzare l’uomo, e infine hanno chiamato la polizia.

Indossando una felpa felpa del Sassuolo Calcio e i calzettoni della Roma, il padre di Scamacca si è introdotto intorno alle 19.30 nel centro sportivo dall’ingresso principale, scavalcando la sbarra a livello che permette il passaggio dei calciatori e degli addetti ai lavori.

Ha danneggiato alcune auto che erano parcheggiate nel piazzale del centro sportivo rompendo i vetri, spaccando i gli specchietti e provocando molte ammaccature sui suv.

Il tutto urlando a squarciagola e minacciando i presenti e continuando a dare sprangate ai lampioni e addirittura alla statua della lupa capitolina presente all’ingresso del centro sportivo.

Non si conoscono ancora i motivi del gesto. Il padre del calciatore, con precedenti penali, prima è stato bloccato con forza da un uomo della sicurezza interna della Roma. Poi è stato arrestato dagli agenti del commissariato Esposizione-Eur che lo hanno portato in ospedale per accertamenti. A suo carico una denuncia per danneggiamenti.