Green Pass per viaggiare:
c’è il sì della Ue

 

È arrivato il via libera dell’Unione Europea alla circolazione negli stati membri. Il certificato vaccinale sarà necessario per chiunque voglia viaggiare liberamente.

L’accordo trovato dal Parlamento Europeo il 21 maggio «è stata un grande vittoria per ripristinare i viaggi agevoli e sicuri in tutta l’Ue» secondo il Presidente Ursula Von der Leyen.

In seguito all’adozione del Green pass – disponibile sia cartaceo che digitale – i Paesi Ue non potranno più imporre ulteriori restrizioni di viaggio, come la quarantena, l’autoisolamento o i tamponi.

Il regolamento sul Green pass Ue resterà in vigore per 12 mesi. Non sarà considerato un documento di viaggio, ma consentirà comunque di spostarsi da un Paese all’altro dell’Unione senza ulteriori adempimenti.

Arrivano però le parole del direttore dell’Oms in Europa, Hans Kluge, che consiglia di evitare comunque i viaggi internazionali poiché non ancora sicuri.

I certificati infine saranno verificati per prevenire frodi e falsificazioni, così come l’autenticità dei sigilli elettronici inclusi nel documento. Per salvaguardare la privacy, i dati personali contenuti nei pass digitali non potranno essere immagazzinati nei Paesi Ue di destinazione.

Nicolò Leggieri